Attenzione!
Di gente che fa previsioni sismiche ce n’è a decine… e ogni tanto qualcuno ci “indovina”.
Alcuni sono ciarlatani ed altri invece lavorano seriamente, ma nessuna di queste previsioni è utile ad evitare i disastri perché sono estremamente imprecise riguardo tempi e località.
Non è possbile evacuare decine di migliaia di persone ogni volta che qualcuno prevede un terremoto.
Pensiamo un attimo cosa sarebbe successo se dando ascolto al Sig. Giuliani che ha “quasi” previsto il terremoto si fosse evacuata Sulmona (da lui indicata come zona più a rischio) e si fossero ospitati i profughi a L’Aquila…
Un approccio serio (se non è già stato fatto) sarebbe quello di integrare le intuizioni più attendibili di alcuni di questi signori nel programma nazionale di monitoraggio del rischio sismico e, soprattutto, prevenire il danno e le morti con l’adeguamento in chiave antisismica degli edifici situati nelle zone riconosciute a rischio.
Il resto è solo chiacchiere a posteriori.

(6/4/2009)